Creare password ‘sicure’

Condividi se ti piace!

Nella configurazione di WordPress, per esempio quando si crea il database o gli utenti, ci viene spesso richiesto di inserire password ‘sicure’, ovvero difficili da ‘indovinare’ attraverso i sistemi utilizzati dai pirati informatici. WordPress ha adottato, sin dalla versione 3.7, una serie di misure di sicurezza legate alla scelta delle password assegnate agli utenti, fino a generarle in automatico in modo che rispettino appunto queste caratteristiche, e rifiutando nello stesso tempo quelle che non le rispettano.

Lo strumento online per la generazione di password sicure offerto da Symantec, l’azienda che commercializza i software di sicurezza della serie Norton

Esistono vari software e siti web in grado di generare password sicure all’occorrenza, come lo strumento offerto da Symantec, specializzata appunto nella serie di antivirus e strumenti per sicurezza Norton. Tali sequenze di lettere, numeri e segni può risultare, tuttavia, difficile se non addirittura impossibile da memorizzare (ostacolo che si può superare ricorrendo a gestori di password come LastPass), e molti preferiscono ricorrere al trucco di utilizzare intere frasi complete di punteggiatura e maiuscole come password sicure.

Intanto, se pensate che non sia facile per un pirata informatico ‘indovinare’ password ritenute ‘sicure’ dagli utilizzatori, provate a guardare questo video che mostra appunto uno dei sistemi utilizzati per individuarle in maniera del tutto automatica.

Alcuni contenuti e funzionalità non sono disponibili a causa delle impostazioni da te scelte per i cookie!

Ciò accade in quanto i contenuti e le funzionalità identificate come “Google Youtube” utilizzando cookie che hai scelto di mantenere disattivati. Per poter consultare questo contenuto o usare questa funzionalità ti preghiamo di abilitare nuovamente i cookie: clicca qui per accedere alle tue impostazioni personali per i cookie.

Un esempio di utilizzo (a puro scopo didattico) di uno degli strumenti di cui i pirati informatici si servono per individuare le password degli utenti e accedere ai loro account nei cosiddetti ‘attacchi a forza bruta’ (Brute Force Attack)
Condividi se ti piace!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.